La fotografia in bianco e nero viene da sempre utilizzata per rappresentare la realtà in maniera più potente e incisiva che mai.

Black and white are the colors of photography. To me they symbolize the alternatives of hope and despair to which mankind is forever subjected. (Robert Frank)

Quando si fotografano persone a colori, si fotografano i loro vestiti. Ma quando si fotografano persone in bianco e nero, si fotografano le loro anime!
(Ted Grant)

Queste sono solo alcune delle affermazioni di fotografi famosi che consideravano fotografare in bianco e nero un impatto emozionale incredibile. Anche oggi è lo stesso, ovviamente. Capita però che essendo abituati a concepire la realtà a colori, cosi come le immagini, vedere e immaginare una realtà in bianco e nero risulta difficile. Questo è il grosso problema. Non basta convertire una foto in bianco e nero con i programmi di fotoritocco (qui e qui trovi due tutorial per convertire un file RAW). È necessario capire e immaginare in testa come sarà lo scatto, prima ancora di averlo fatto e convertito. L’intensità della luce, i colori, le ombre e luci sono tutte situazioni che vanno prese in considerazione per fotografare in bianco e nero e ottenere risultati differenti in base alla gestione di tutti questi fattori.

fotografare in bianco e nero, tecniche fotografiche

6 consigli pratici per fotografare in bianco e nero

CONTINUA A LEGGERE

1 Non scattare in bianco e nero

Il primo suggerimento che ci sentiamo di darti è proprio questo. Le modalità di conversione presenti sulle fotocamere digitali possono non dare i risultati sperati. Spesso infatti, il software interno della reflex converte la foto in maniera neutra, generando un immagine priva di contrasto, grigia. Piuttosto, scatta in formato RAW e utilizza l’anteprima di bianco e nero solamente per farti un idea di come potrà essere la foto una volta che avrai fatto tutte le regolazioni necessarie. In questo modo potrai sempre recuperare lo scatto a colori nel caso in cui quello monocromatico non ti soddisfi, cosa che non sarebbe possibile se avessi scattato nel formato JPG.

2 Allena l’occhio a cercare i contrasti

Il valore aggiunto che si ha nel fotografare in bianco e nero sono proprio i contrasti. Devi cominciare a sviluppare il senso di “vedere in bianco e nero” anche prima dello scatto. Non è facile, è vero, ma con tanto allenamento, piano piano il cervello si abituerà a concepire la realtà in maniera monocromatica e inizierai a capire come i colori e la luce che li colpisce influenzano le varie tonalità della scala dei grigi. Anche l’intensità della luce e la direzione di essa sono le cause di variazione di contrasto, ti basta provare fotografare la stessa scena in orari differenti della giornata, per capire come le ombre mutino e di conseguenza anche l’immagine finale. Ovviamente poi in post produzione si può lavorare sulle curve per aumentare i valori dei neri e dei bianchi e aumentare cosi la forza dei valori tonali, ma questo ne parliamo più avanti, ora è importante che tu riesca a capire visivamente in anticipo come sarà l’immagine e cosa ti serve per riprodurre ciò che vuoi.

fotografare in bianco e nero, tecniche fotografiche

© Gaëlle De Muynck

3 Utilizza i filtri per ottenere diversi effetti

Forse non lo sapevi, ma in commercio esistono dei filtri colorati che sono degli ottimi compagni di viaggio quando fotografi in bianco e nero. È vero che oggi con il digitale è quasi tutto riproducibile in post-produzione e che questa tipologia di filtri colorati si utilizzava maggiormente nell’analogico, ma è anche vero che avere un file già pronto dopo lo scatto, ti farà risparmiare tempo e fatica ed è inoltre un ottimo allenamento per il punto 2. Qui sotto puoi vedere una tabella di esempio su come il colore del filtro influenzi, schiarendo o scurendo, determinati colori:

  • Filtro Rosso: schiarisce il colore rosso e scurisce il colore blu e verde
  • Filtro Verde: schiarisce il colore verde e scurisce il colore rosso e arancio
  • Filtro Blu: schiarisci il colore blu e scurisce il colore giallo, rosso e arancio
  • Filtro Giallo: schiarisce il colore giallo e scurisce il colore violetto e azzurro

fotografare in bianco e nero, tecniche fotografiche

Questo elenco non tiene poi conto dell’intensità del filtro e della luce presente sulla scena, per cui sono solo dei valori indicativi.

4 Trame, texture e forme

Per cercare di creare delle composizioni interessanti e forti quando stai per fotografare in bianco e nero, bisogna fare molta attenzione a tutto ciò che ti circonda. La mancanza dei colori fa si che l’attenzione dell’osservatore sia portata e concentrata su questi elementi che hanno il compito di trasmettere l’umore e le emozioni di quell’istante. Sfrutta le texture naturali che si formano con le forme degli oggetti e allo stesso tempo con i motivi di luce e ombre. Prova a scattare una stessa foto a diverse ore della giornata, vedrai come l’incidenza della luce possa cambiare radicalmente i disegni e le forme del tuo soggetto. Nell’immagine qui sotto, ad esempio, ho aspettato una determinata ora del giorno (erano le 18 circa) per avere questo intreccio di luci e ombre che ha creato una texture naturale:

fotografare in bianco e nero, tecniche fotografiche

In quest’altra immagine di Kamal Ismail, invece, si può vedere come la forma sia il punto di forza di questa foto:

fotografare in bianco e nero, tecniche fotografiche

5 L’istogramma è un tuo amico

Dovrebbe essere un dato di fatto per qualsiasi genere fotografico, ma è bene ricordarlo. Saper leggere l’istogramma (qui trovi un articolo che ti spiega cos’è l’istogramma) è fondamentale per la riuscita della foto. Un buon istogramma dovrebbe essere “spalmato” da sinistra verso destra, ma la differenza con una foto a colori, sarà proprio la questione di quante zone scure (parte sinistra dell’istogramma) e zone chiare (parte destra dell’istogramma) saranno presenti nella scena.

Istogramma, Reflex, Esposizione, 5

6 Post-Produzione

Nell’era del digitale la post-produzione è diventata quasi necessaria per “completare” lo scatto. Come accadeva nelle camere oscure, anche il digitale ha bisogno di aumentare l’intensità dei volatori tonali della scala dei grigi; aggiustando le curve dei neri o dei bianchi, aumentando il contrasto con scherma e brucia, aggiungendo della grana andrai a riempire l’immagine di quella forza che era solita trovare nelle vecchie pellicole. Per questo motivo vi rimandiamo a due tutorial che abbiamo realizzato per convertire le foto in bianco e nero con Photoshop o con Camera RAW.

8 Shares:
You May Also Like