Nella storia della fotografia abbiamo più o meno tutti conosciuto ed appurato l’effettiva importanza dei filtri fotografici quale aiuto e soluzione pratica per una migliore esposizione sulla scena, senza ricorrere a metodi di fusione e post produzione.

In fin dei conti i filtri fotografici servono, in primis, a questo: consentire un’esposizione della scena quanto più omogenea possibile evitando i problemi di diffrazione che possono incombere a chiusure diaframmi troppo elevate.

In secondo piano, seppur poi passato come primario come importanza “popolare”, vi è l’impiego dei filtri ottici in maniera creativa.

Giocando con i tempi di esposizione, a seconda della luce presente sulla scena, si possono ricreare particolari effetti gradevoli ed utili alla riuscita della foto che si vuole realizzare.

filtri h&y fotografici

H&Y: la ridefinizione del concetto di filtro fotografico

In quest’ultimi 10-20 anni abbiamo assistito ad una vera e propria colonizzazione ed evoluzione di filtri e sistemi per l’installazione di essi.

Alcuni molto noti e scarni, altri altrettanto noti che si sono evoluti nel tempo. Ma così come in altre categorie di marketing esistono alcuni di essi che puntano tutto sull’evoluzione ed innovazione di modo da garantire il massimo non solo riguardo le prestazioni ma anche l’utilizzo e l’affidabilità nel tempo. 

Considerando questo posso sicuramente affermare che il marchio di filtri H&Y è l’emblema, il vertice, il brand pioniere di questi 3 punti fondamentali: pensa che ha dapprima adottato lo slogan “the filter innovator” e con il passare degli anni ha allargato questo concetto modificandolo in “redefining photography“.

Ma come spesso accade, marchi del genere non sono così noti sul mercato non solo per prezzi ma anche per effettiva volontà del marchio stesso.

Un pò come se parlassimo della Pagani a chi, solitamente, sente parlare di Porsche.

Filtri H&Y

La storia di H&Y

Scopriamo assieme, dunque, questo brand che negli anni ha letteralmente alzato l’asticella ed ha ispirato tanti altri brand a cercare di emularne le soluzioni.

H&Y nasce come azienda familiare, ad Hong Kong con parte delle sue sedi a Taiwan ed il brand è letteralmente composto dalle prime lettere delle parole marito e moglie in cinese.

Tutto ciò avviene nel 2006 e si specializzano nella realizzazione di filtri UV e VND (Variable ND) per diversi anni e per altri marchi molto noti sul mercato cinese e non.

Successivamente l’azienda decide di ampliare le proprie vedute e di proporsi sul mercato con una linea di filtri fotografici ed un holder.

Prodotti che ricalcavano, più o meno, quanto già presente a livello professionale facendosi conoscere come brand alternativo ai più noti e continuando a collaborare con marchi di filtri per la realizzazione di linee specifiche.

Filtri H&Y

I primi prodotti rivoluzionari di H&Y

A partire dal 2014/15 e con l’effettiva introduzione sul mercato nel 2016, H&Y prende una posizione molto netta.

Si evolve a tutti gli effetti a brand avanzato di sistemi e filtri ottici in grado di proporre soluzioni non solo alternative ma completamente rivoluzionarie.

Diverse da quanto visto fino ad oggi: trattasi dell’holder KH100 con i rispettivi sistemi “drop-in” e “magnetic frames” (cornici magnetiche) per filtri a lastra.

filtri magnetici
dropin filtri fotografici

Analizziamo il sistema KH100 nel dettaglio

Anzitutto il KH100, che ospita i due sistemi citati, è l’evoluzione del proprio holder precedente: l’ MH100.

Il suo design dunque è frutto della precedente esperienza.

Come puoi vedere non possiede i classici slot, o meglio, un tempo veniva venduto provvisto di due classici slot con funzione di blocco lastra per entrambi i binari ma, successivamente, questa soluzione è stata abbandonata per dedicarsi interamente al sistema a cornici magnetiche. 

holder per Filtri H&Y

Possiede due piastre metalliche dove le lastre troveranno alloggio per magnetismo. Il pomellino a fianco permette il bloccaggio di una lastra. 

Le cornici magnetiche, in questo modo, possono sia esser vincolate meglio all’holder sia essere agevolate nell’utilizzo specialmente se si utilizzano lastre ND adattate (con cornice magnetica).

Queste cornici sono quattro listelli di plastica ad incastro che vengono fissate con il biadesivo e saldamente incastrate fra loro a tal punto che, per rimuoverle, è probabile che si rovinino ma sia comunque possibile riutilizzarle sostituendo il biadesivo.

All’interno dei listelli in plastica vi sono due bande magnetiche che attrarranno, con forza decisa, la lastra all’holder permettendone sia un saldo fissaggio, sia il riposizionamento in sicurezza.

Esse, oltre a questo, sono progettate per limitare al massimo le infiltrazioni di luce ma anche proteggere il filtro da e permettere di maneggiarlo senza toccare la lastra in vetro e senza, dunque, dover perdere tempo a pulirla.

L’holder, inoltre, è dotato di una vera e propria finestra: finestra che ospita il sistema Drop-in.

Ma cos’è questo sistema?

Ebbene il funzionamento di questo sistema ricorda molto il vecchio proiettore per vedere le diapositive: il Drop-in permette l’installazione del filtro a “diapositiva” in questa finestra. 

I filtri drop-in sono:

  • cpl
  • cpl/combo
  • nd
  • filtro notturno (*Staarkeeper)
Filtri H&Y

Che vantaggi offre questo sistema?

Anzitutto anche sono migliorate la protezione del filtro e la sua maneggevolezza poiché il vetro trova sede dentro un’apposita struttura che ne favorisce l’installazione dentro l’holder.

Questo esclude ogni tipo d’infiltrazione di luce in qualsiasi situazione.

Il sistema drop-in svincola completamente dal dover rimuovere ogni filtro o tutta la struttura dell’holder per poter installare o rimuovere il polarizzatore perdendo la regolazione dei GND ma anche rischiando caduta di parti dell’holder con filtri con conseguenti danni anche gravi.

In pratica se abbiamo installato tutto l’armamentario (holder, filtri, polarizzatore e vari filtri a lastra) non dovremo far altro che rimuovere il polarizzatore senza dover smontare null’altro (ed ovviamente viceversa).

Ovviamente Drop-In e Magnetic Frames sono progetti coperti da copyright tuttavia negli anni anche altri brand hanno parzialmente adottato queste soluzioni con delle variazioni di differente affidabilità.

Il KH100 è stato praticamente la base di tutta una serie di holder dedicati da 100mm che risulta essere compatibile anche per lenti richiedenti sistemi a lastra da 150 senza tante o spesso nessuna complicazione dell’installazione ed utilizzo.

Pensa che la struttura originaria del KH100 dalla sua creazione non ha mai subito modifiche migliorative o di compatibilità e tutt’oggi è utilizzabile su Nikon 14-24z (H&Y è stato il primo brand al mondo a presentare un sistema filtri per questa lente in grado di essere utilizzato anche con sistema drop-in grazie ad un semplice adattatore).

Filtri H&Y RevoRing: la rivoluzione dell’anello adattatore

H&Y ha rivoluzionato anche il sistema del filtro circolare.

Negli anni abbiamo visto una simpatica evoluzione del filtro circolare con installazione a filetto cambiare in installazione magnetica.

Nei filtri H&Y hanno pensato non solo di adottare questa tecnologia ma anche di rivoluzionare il classico anello adattatore rendendolo “a filettatura variabile”.

Nel 2020 nasce, a distanza di 3 anni dall’idea, il RevoRing: un anello a filettatura variabile in grado di essere montato e smontato senza difficoltà su qualsiasi supporto filtri a filetto compatibile per range diametri.

revoring

In sostanza? Giri le due parti di cui è composto, lo poggi sulla lente, lasci andare e lui è installato! 

Per rimuoverlo? Lo stesso. Per spostarlo da una lente all’altra? Lo stesso.

Se dovessi paragonare i due sistemi di Filtri H&Y?

Con il tempo che impiegherei ad installare un classico filtro circolare o un filtro a supporto magnetico sulla lente, con il RevoRing potrei tranquillamente installare, rimuovere e reinstallare il filtro su di un’altra lente.

Il sistema è adatto sia agli utenti che hanno necessità di massimizzare l’utilizzo di più macchine fotografiche e punti di presa, sia per chi vuole il massimo della praticità.

Inoltre è in grado di ospitare sia anelli magnetici, sia filtri magnetici appositamente studiati.

Questo significa che la sua compatibilità è estrema con tutti i filtri a filetto presenti sul mercato fin dagli esordi del filtro circolare stesso.

sistema revoring

Anche questo progetto è coperto da copyright ed essendo molto più complesso è veramente difficile realizzare una variante di esso.

A tal punto, H&Y ha deciso di puntare molto sull’idea, convertendolo in un “holder alternativo” che non permette l’utilizzo di lastre ma che permette comunque di utilizzare i filtri classici o circolari magnetici come fosse un holder dedicato a filtri circolari CPL / ND / VND.

Questa soluzione, in particolare, ha permesso ad H&Y di raggiungere livelli di notorietà mai pensati.

Materiali e soluzioni future per filtri H&Y

Oltre ad essere particolarmente innovatrice, H&Y punta anche alla scelta di vetri di ottima qualità.

A differenza di altri brand e forti dell’esperienza primaria di produzione filtri, H&Y stipula accordi diretti con Schott (Germania) e Corning (Stati Uniti d’ America) per l’importazione di vetri originali per la trasformazione di essi in filtri.

Oggi il brand gode di fama sia riguardo i filtri proposti sia, soprattutto, riguardo supporti e sistemi di montaggio di essi.

Il futuro dei Filtri H&Y

Nel futuro si ipotizza che H&Y possa investire su qualcosa di ancora più incredibile ed innovativo; pensato per il fotoamatore evoluto ma soprattutto per il professionista a cui serve rapidità d’uso, affidabilità e prestazioni.

Considerazioni finali

Sarà utile oggigiorno pensare all’acquisto di un sistema di filtri fotografici simile ai Filtri H&Y? Viste anche le numerose soluzioni alternative o le varie tecniche di scatto che possono sopperirne l’uso?

Sicuramente meno che in passato. Forse anche per questo H&Y punta a migliorare quanto già esistente e punta a farlo alzando asticella e pubblico a cui dedicarsi.

Ma sinceramente penso di si, per lo meno fino a quando la risultante di utilizzo del filtro ottico sarà 100% sostituita dal digitale, rendendolo così, inutile non solo per H&Y ma per gli utenti tutti e quindi anche per tutti i brand esistenti.

Per conoscere i prodotti H&Y in Italia puoi consultare il sito dedicato HYFiltri.it

You May Also Like