Se ci si riferisce all’Italia come al bel paeseun motivo ci sarà. La cultura culinaria, il sole splendente e i vicoli colorati, sono solo una parte di un tutto che ogni giorno attira turisti da ogni angolo del mondo. La grandezza dell’Italia risiede, infatti, nell’enorme offerta paesaggistica ripartita sull’inter a penisola. Da nord a sud si ha la possibilità di godere di montagne spettacolari, di campagne ridenti e di mari trasparenti. C’è solo l’imbarazzo della scelta

Da appassionati fotografi (anche paesaggisti) quali siamo, non potremmo non cavalcare l’onda della stagionalità. Trovandoci in inverno, quindi, il nostro primo articolo non potrebbe non partire proprio dal nord Italia e dalle sue meravigliose Alpi. Tra queste risuonano maestose le Dolomiti che, per la loro grandezza e importanza geologica e geomorfologica, detengono anche un prezioso posto all’interno del Patrimonio dell’UNESCO

Viaggio Fotografico in Dolomiti

Ma perché fotografare le Dolomiti suscita tanto interesse e cosa si nasconde dietro questa catena montuosa di confine? Scopriamo insieme quali sono gli scenari delle Dolomiti più mozzafiato da fotografare, quando fotografarli e come approfittare dei nostri viaggi fotografici organizzati

Quali sono i luoghi delle Dolomiti più belli da fotografare? 

Avete mai visto le Dolomiti? Ovviamente non pretendo che ci siate stati personalmente ma avete mai visto anche solo un documentario o delle foto che ritraessero questo tipo di paesaggio? La natura è una cosa meravigliosa e le Dolomiti ne sono una palese dimostrazione.

Che sia estate, autunno, primavera o inverno, per quanto si tratti delle cime più alte d’Italia, acquistano valore in ogni stagione e non solo in quella invernale. Con i suoi laghi cristallini d’estate, i suoi fiori colorati in primavera, il foliage autunnale e il bianco candido della neve d’inverno, le Dolomiti offrono lo scenario giusto per fotografare.

Tra i numerosi paesaggi che si possono trovare, ecco un elenco dei 10 paesaggi più belli delle Dolomiti da fotografare assolutamente.

Le 10 mete che non puoi perdere se vuoi fotografare le Dolomiti

Se non sei mai stato sulle Dolomiti, questa è l’occasione giusta per organizzare il tuo viaggio fotografico. Se, invece, ci sei già stato e non ne hai approfittato per catturare scatti pazzeschi, mi sa che è arrivato il momento di ritornarci per non perdere nemmeno una tappa.

1 – Cadini di Misurina

Partendo dalle Dolomiti Orientali, troviamo i Cadini di Misurina, un gruppo montuoso in provincia di Belluno famoso per le sue iconiche cime (più di 14) e per il lago di Misurina. Sono davvero tante le cose da fotografare, soprattutto durante il percorso verso il rifugio Locatelli, quindi segnala come prima tappa obbligata!

fotografare le dolomiti - Cadini di Misurina

2 – Tre Cime di Lavaredo

Simbolo indiscusso delle Dolomiti sono proprio le Tre Cime di Lavaredo appartenenti alle Dolomiti di Sesto e situate nel parco le Tre Cime. Esse di dividono in:

Cima Grande (2.999 m s.l.m.);

Cima Ovest (2.973 m);

Cima Piccola (2.857 m) e altre cime secondarie come la Punta di Frida e Torre Preuß (detta anche Cima Piccolissima).

Da qualche anno queste fanno parte del Patrimonio dell’UNESCO e lo spettacolo più bello avviene quando si colorano di rosa/rosso durante il tramonto. Per ottenere le migliori inquadrature, è consigliato sempre il percorso che passa per il rifugio Locatelli, oppure quello della Val di Landro che percorre la strada da Dobbiaco a Cortina d’Ampezzo.

Viaggio Fotografico in Dolomiti

3 – Tre Cime Dolomiti/Alta Pusteria

Restando sempre nella zona orientale del gruppo montuoso delle Tre Cime in Alta Pusteria si può approfittare dei paesi presenti in questi scenari che, per la loro bellezza, valorizzano ancora di più i paesaggi. Tra questi sono compresi San Candido, Braies (con il suo omonimo e super fotografato lago), Dobbiaco, Sesto e Villabassa.

dobbiaco

Lago di Dobbiaco

Fotografare le Dolomiti e San Candido

San Candido

Fotografare il Lago di Braies

Lago di Braies

4 – Lago di Limides

Se siete alla ricerca di un altro favoloso specchio d’acqua circondato da montagne, potreste concedervi una gita breve e semplice fino al Lago di Lìmedes. Il consiglio è partire dal Rifugio Col Gallina e proseguire fino ad arrivare al piccolo lago. La stagione migliore per godere del paesaggio più florido è in primavera quando ci saranno dei splendidi fiori ad arricchire i vostri scatti.

Lago di Limides per fotografare le Dolomiti

5 – Alpe di Siusi

A ovest delle Tre Cime si trova, invece, il possente massiccio dello Sciliar con uno dei più famosi ed emblematici scenari dell’Alto Adige: l’Alpe di Siusi.

alpi di siusi

 

6 – Val di Funes

Restando sempre sul versante dolomitico occidentale, troviamo un po’ più a nord la Val di Funes che, grazie allo sfondo dominato dal Gruppo delle Odle e alla famosa chiesetta di Santa Maddalena, ci offre direttamente una cartolina che non aspetta altro che essere fotorgafata. Se cercate, quindi, delle inquadrature speciali per fotografare le Dolomiti, il panorama fiabesco della Val di Funes è uno degli imperdibili della top 10.

Panorama fiabesco della Val di Funes

7 – Baita Segantini

Nella zona del Trentino da non perdere assolutamente è l’area turistica di San Martino di Castrozza, Primiero e Vanoi, con le Pale di San Martino, il Passo Rolle e la Baita Segantini.

pale di San Martino

Pale di San Martino

passo rolle

Passo Rolle e Baia Segantini

8 – La Marmolada

Al confine tra la provincia di Trento e la provincia di Belluno sorge la Marmolada (detta la Regina delle Dolomiti,) un gruppo montuoso delle Alpi orientali, nonché il più alto delle Dolomiti stesse. La vetta più alta si chiama Punta Penia e raggiunge i 3.343 m.

Questo gruppo, a differenza delle Dolomiti, non è composto da dolomia (roccia carbonatica costituita dal minerale dolomite) bensì da calcari grigi derivati da scogliere coralline e inserti di materiale vulcanico che lo rendono esteticamente differente rispetto alle altre cime. Al suo interno risiede il più grande ghiacciaio delle Dolomiti, il ghiacciaio della Marmolada.

La Marmolada

9 – Cinque Torri

All’interno delle Dolomiti Ampezzane, quelle situate a a nord-ovest di San Vito di Cadore e a sud-ovest di Cortina d’Ampezzo, si ergono le Cinque Torri, un piccolo complesso montuoso appartenente al gruppo del Nuvolau. Anche queste, colpite dalla luce dell’alba e del tramonto, si colorano di rosa o rosso, donandoci un effetto ottico a dir poco senza fiato.

10 – Passo Resia

Ed eccoci arrivati all’ultima tappa di questa splendida top 10. Inutile dire che non si tratta di una classifica, anche perché, il Passo Resia con il suo celebre campanile sommerso, non potrebbe mai trovarsi all’ultimo posto. Il Passo Resia con il suo omonimo lago è uno dei luoghi più belli e affascinanti da fotografare sulle Dolomiti, ancor di più per l’ospite insolito che accoglie nel suo bacino d’acqua.

campanile sommerso nel lago di resia

Viaggia con noi!

Workshop Mountain Landscape, Dolomiti

Per noi dall’occhio curioso non potrebbe essere più piacevole vivere in un posto così. Avere la fortuna di viaggiare nel proprio paese e ritrovarsi davanti, a poche ore di distanza, scenari mozzafiato, è una fortuna che un fotografo non può assolutamente sottovalutare

Per questo noi di Weshoot siamo i primi a goderne, cercando ad ogni occasione di organizzare viaggi fotografici unici alla scoperta di luoghi spettacolari dove poter dar vita a scatti incredibili

You May Also Like